Unione di Comuni dei Fenici Unione di Comuni dei Fenici

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Vai al menu del sito


Sezioni del sito:

Vai su


Contenuti

Cos'è una unione di comuni

Una Unione di comuni è un ente locale costituito da almeno due comuni allo scopo di esercitare determinate funzioni (art. 32 del TU degli Enti Locali). L'Unione ha propria personalità giuridica, è dotata di autonomia statutaria, regolamentare, organizzativa e finanziaria e di propri organi politici e gestionali.

La legge in materia prevede di trasferire progressivamente le funzioni e i servizi comunali alle Unioni. Entro febbraio 2013 dovranno essere trasferite all'Unione le prime sei funzioni fondamentali (Art. 21 Legge 42/2009 - Art.2 comma 3 punto e del D.P.R. 194/2006):

01 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e controllo:

     01 Organi istituzionali;

     02 Segreteria generale, personale e organizzazioni;

     03 Gestione economica finanziaria, programmazione e controllo di gestione;

     04 Entrate tributarie e servizi fiscali;

     05 Gestione beni demaniali e patrimoniali;

     06 Ufficio Tecnico;

     07 Anagrafe, Stato Civile, Elettorale, Leva e Servizio Statistico;

     08 Altri servizi generali.

03 Funzioni di Polizia Locale:

     01 Polizia Municipale;

     02 Polizia Commerciale;

     03 Polizia Amministrativa.

04 Funzioni di Istruzione Pubblica (compresa l'edilizia scolastica):

     01 Scuola Materna;

     02 Istruzione Elementare;

     03 Istruzione Media;

     04 Istruzione Secondaria Superiore;

     05 Assistenza Scolastica, Trasporto scolastico, Mensa scolastica e altri servizi.

08 Funzioni nel campo della viabilità e trasporti:

     01 Viabilità, circolazione stradale e servizi connessi;

     02 Illuminazione pubblica e servizi connessi;

     03 Trasporto pubblico locale e servizi connessi.

09 Gestione del territorio e dell'ambiente:

     01 Urbanistica e gestione del territorio;

     03 Servizi di Protezione Civile;

     05 Servizi di smaltimento rifiuti;

    06 Parchi e servizi di tutela del verde, altri servizi relativi al territorio e all'ambiente;

10 Funzioni del settore Sociale:

    01 Asili nido, servizi per l'infanzia e i minori;

    02 Servizi di prevenzione e riabilitazione;

    03 Strutture residenziali e ricovero per gli anziani;

    04 Assistenza, beneficenza pubblica e servizi diversi alla persona;

    05 Servizio necroscopico cimiteriale.

 

 

I VANTAGGI DELLA GESTIONE ASSOCIATA DEI SERVIZI.

 

1) Vantaggi economici:

     1 attivazione dell'ufficio di progettazione interna;

     2 ufficio dedicato alla ricerca dei finanziamenti;

     3 ufficio unico appalti e acquisti;

     4 maggiore  efficacia dei controlli e delle sanzioni;

     5 maggiore efficienza dei servizi;

     6 fattore di scala;

     7 specializzazione del personale;

     8  standardizzazione delle procedimenti;

     9 razionalizzazione delle posizioni  organizzative.

2) I vantaggi per i cittadini:

    1 separazione tra front-office e back-office

    2 maggiore preparazione del personale (specializzazione);

    3 diminuzione dei tempi d'attesa;

    4 riduzione del costo delle pratiche;

    5 maggiore efficienza dei servizi pubblici comunali;

    6 migliore accesso alle pratiche (digitalizzazione dei servizi);

    7 attivazione di nuovi servizi.

3) I vantaggi per il personale:

   1 maggiore possibilità di accesso ad incentivi economici;

   2 minore carico di lavoro (razionalizzazione);

   3 maggiore chiarezza dei ruoli e delle competenze;

   4 migliore organizzazione del lavoro e migliore efficienza;

   5 standardizzazione dei procedimenti;

   6 scambio, condivisione, interazione e integrazione tra le diverse prassi comunali;

   7 specializzzione e crescita professionale;

   8 sviluppo delle capacità, attitudini e potenzialità personali;

   9 separazione tra front-office e back-office;

  10 possibilità di maggiore incisività del proprio lavoro sul territorio;

  11 miglioramento generale dell'immagine del dipendente pubblico.

4) I vantaggi politici:

  1 aumentata rappresentatività politica a livello territoriale;

  2 aumento del peso politico relativo nel contesto regionale;

  3 migliore controllo sulla produttività dei dipendenti;

  4 maggiore disponibilità di risorse in bilancio;

  5 aumentata possibilità di accesso ai finanziamenti;

  6 rapporto unico con enti superiori, maggiore potere contrattuale;

  7 possibilità di creare nuovi posti di lavoro;

  8 attivazione di nuovi servizi comunali con i risparmi conseguiti;

  9 aumetata efficacia di controlli e sanzioni;

 10 maggiore efficienza dei servizi pubblici comunali;

 11 miglioramento generale dell'immagine delle amministrazioni.

 

  

 

 

Home | Mappa | Contatti | Credits | ConsulMedia 2011 |

Torna su